Dove ha inizio l'illusione...

Da qualche tempo va diffondendosi la bizzarra teoria secondo la quale la Terra non sarebbe uno sferoide in rotazione su se stesso ed orbitante attorno al sole, bensì un disco piatto ed immobile, coperto da una cupola di materiale ignoto. Il centro di questo disco sarebbe occupato dall'artico, mentre l'antartico rappresenterebbe uno smisurato anello di ghiaccio che ha la funzione di contenere le acque degli oceani.

Coloro che credono in questa teoria, i flat-earthers, sostengono che l'intera popolazione mondiale sia da sempre indottrinata da una elìte imperante che ci manipola attraverso le scuole, i mass media e, in special modo, la NASA che avrebbe il ruolo chiave di produrre finte missioni spaziali e finte immagini dello spazio. La Terra sferica sarebbe un inganno propinatoci fin da piccoli per non consentirci di conoscere la verità. Per corroborare il loro credo e per fare proseliti, da qualche tempo i flat-earthers stanno inondando internet di materiale multimediale che proverebbe, secondo quanto sostengono, la Terra piatta. Nonostante queste presunte prove siano campate in aria, riescono comunque a confondere ed a fare presa su molte persone che, per le ragioni più disparate, non sono equipaggiate con sufficienti conoscienze logico-matematiche utili a smascherare la truffa.

Sono convinto che nel movimento dei flat-earthers ci siano molte persone genuinamente convinte che la Terra sia piatta, ma risulta abbastanza evindente che a capo di questa faccenda ci sia qualcuno che ci sta lucrando.

NOVITA'!: Finalmente, un po' di restyling del blog! Adesso potrete accedere agli articoli pubblicati, attraverso la home page, semplicemente cliccando sulla icona relativa

domenica 21 febbraio 2016

Fratello Sole



Penso che non ci sia niente di più grossolanamente errato della descrizione fatta dai flat-earthers del sole e della luna.



Vediamo come la Flat Earth Society calcola l'altitudine del sole sulla Terra piatta:

"On March 21-22 the sun is directly overhead at the equator and appears 45 degrees above the horizon at 45 degrees north and south latitude. As the angle of sun above the earth at the equator is 90 degrees while it is 45 degrees at 45 degrees north or south latitude, it follows that the angle at the sun between the vertical from the horizon and the line from the observers at 45 degrees north and south must also be 45 degrees. The result is two right angled triangles with legs of equal length. The distance between the equator and the points at 45 degrees north or south is approximately 3,000 miles. Ergo, the sun would be an equal distance above the equator"

"Il 21-22 marzo, il sole è perpendicolare all'equatore ed appare inclinato di 45° sull'orizzonte dai 45 gradi di latitudine nord e sud. Poichè l'angolo del sole sulla Terra all'equatore è di 90° mentre gli angoli formati con i 45° di latitudine nord e sud sono di 45°, ne consegue che anche l'angolo al sole che si forma tra la sua verticale all'orizzonte  e la linea congiungente i due punti di osservazione a 45° alle latitudini nord e sud, deve essere anch'esso di 45°.  Il risultato consiste in due trangoli retti con cateti di uguale lunghezza. La distanza tra l'equatore ed i punti a 45° nord e sud è approssimativamente 3.000 miglia. Quindi, il sole sarà ad un eguale distanza dall'equatore."




Quindi, la Terra piatta avrebbe un diametro complessivo di 24.000 miglia (circa 39.000 km), per una superficie poco più grande di 452milioni di miglia quadrate (1,170 miliardi di km quadrati), CIRCA 3 VOLTE LE DIMENSIONI REALI misurate della superficie terrestre.

Sforziamoci di credere che i calcoli appena visti vadano bene e continuiamo a leggere altre descrizioni riguardanti il sole.

SarahSun2.gif

"The sun is a rotating sphere. It has a diameter of 32 miles and is located approximately 3000 miles above the surface of the earth.
Spotlight effect
The Sun's area of light is limited to a circular area of light upon the earth much like the light of a lighthouse is limited to a finite circular area around it. The rotating light on a lighthouse does not propagate infinitely into the distance. This means that only certain portions of the Earth are lightened at a time. It also describes how night and day arise on a Flat Earth. The apparent view of rising and setting are caused by perspective, just as a flock of birds overhead will descend into the horizon as they fly into the distance." 

"Il sole è una sfera rotante. Ha un diametro di 32 miglia ed è posizionato approssimativamente a 3000 miglia sulla superficie terrestre.
Effetto Riflettore
L'illuminazione del sole è limitata ad un area di luce sulla Terra molto simile a quella di un faro che è limitata attorno da una area circolare. La luce rotante di un faro non si propaga illimitatamente alla distanza. Ciò significa che solo certe porzioni alla volta della Terra sono illuminate. Ciò spiega anche come la notte ed il giorno appaiono sulla Terra piatta. La vista apparente dell'alba e del tramonto sono causate dalla prospettiva, proprio come uno stormo di uccelli in alto scenderebbe all'orizzonte quando vola alllontanandosi."

Questa descrizione è tanto pittoresca quanto inverosimile.

1) Non si capisce cosa mantenga una sfera infuocata di 32 miglia di diametro sospesa a 3000 miglia di distanza dalla Terra ed in moto corcolare. Secondo la stessa teoria dei flat-earthers, dovrebbe cadere inesorabilmente, assieme alla luna, poichè entrambi hanno una densità maggiore dell'aria. Non si sa perchè, questa regola non funziona.

2) L'accostamento del sole alla luce di un faro è totalmente sbagliata. Ma i signori della FES hanno mai visto come funziona un faro? Le lampade dei fari sono dotate di particolari lenti, chiamate Fresnel, che coinvogliano la luce in una specifica direzione.



Un fonte luminosa sferica non potrà mai generare un effetto "spotlight", ovvero a raggi paralleli, a meno che non si trovi ad una distanza ragguardevole. Non si capisce proprio perchè dovrebbe crearsi un cono luminoso. E' semplicemente insensato.




3) Di nuovo, si utilizza la prospettiva in modo totalmente scorretto. 
Non c'è nessuna regola  prospettica che possa spiegare l'alba ed il tramonto nel modello della Terra piatta. Se mi trovo sul bordo del cono luminoso e, quindi, sto assistendo ad un'alba o ad un tramonto, il sole dovrebbe essere alto nel cielo a 45° di visuale, seguendo lo stesso ragionamento della FES! 




Non c'è veramente nessuna possibilità che io possa vedere qualcosa di simile:


Ovviamente ci sono i soliti tentativi maldestri ed anche un pò patetici da parte di qualche buontempone di dimostrare l'indimostrabile:

 

In questo video a partire da 0:55, l'autore prova a spiegarci con uno pseudo-esperimento come si verificano l'alba ed il tramonto sulla Terra piatta. Egli muove una monetina poggiata di taglio sulla superficie di un tavolo e ci fa vedere come questa svanisca quando viene trascinata lontana dall'osservatore.
Peccato che la scena è palesemente sbagliata.
Se il tavolo rappresenta la Terra, noi dovremmo poter vedere la sua superficie. Invece noi ne vediamo solo il bordo, il che significa che la telecamera è sotto il livello del tavolo. 

Il bordo del tavolo diventa un ostacolo alla vista della monetina da parte dell'osservatore, così come la curvatura diventa un ostacolo al sole che sta tramontando.

Cercando di spiegare il fenomeno della scomparsa del sole nel modello Terra piatta, l'autore di questo video ha, invece, dimostrato come la curvatura terrestre nasconde il sole al tramonto.

C'è un ultima banale osservazione che voglio presentarvi e che dimostra in maniera comprensibile anche ad un bambino che il sole non può in nessuna maniera ruotare a 3000 miglia di altezza su di una Terra piatta.

Basta guardare come vengono illuminate le nuvole al tramonto.


Considerando che le nuvole più alte si formano ad una quota di 13 km (8 miglia) ed il sole ruota sulla Terra piatta ad una quota di 4827 km (3000 miglia)


E' assolutamente impossibile che il sole possa riuscire ad illuminare le nuvole dal basso come, invece, accade all'alba ed al tramonto.

    







21 commenti:

  1. Risposte
    1. C'è un problema di fondo che voi TerraSferisti non tenete in considerazione sulla illuminazione dal basso delle nuvole all alba e al tramonto. Non è il sole che direttamente le illumina. La luce del sole è limitata ad una piccola porzione della Terra (come una torcia lo è su un muro) il vero effetto di diffusione della luce lo compie la cupola solida composta di materiale traslucido e riflettente (posta,molto vicina al disco solare nella porzione superiore dello stesso) in aggiunta al riflesso esercitato dalla superficie terrestre e dagli specchi d acqua (mari ma soprattutto oceani). Ne consegue che le nuvole sono illuminate per raggi riflessi e non diretti, ergo dal basso verso l alto. Ma la riflessione può illuminare dal basso verso l'alto se la fonte luminosa proviene dall alto? Ovviamente si: Potete sperimentare voi stessi questo fenomeno illumindo zone in completa obra (es. Un soffitto si una cada) facendo riflettere la luce solare sul vetro di un orologio (corrispettivo dello specchio oceanico). Una riprova che la luce è riflessa è che la colorazione rossa è molto intesa sulle nuvole più distali dal disco solare, spiegabili evidentemente con la maggior quantità di aria che esse devono attraversare... Per chi capisce di spettroscopia la radiazione elettromagnetica perdendo energia nel "rimbalzo" passa dal bianco\giallo al rosso (radiazione a minore energia).

      Elimina
    2. Ciao Mattia.
      Vediamo se quello che stai dicendo ha senso.
      Tu dici che il sole, a 4000 km di quota(o a qualsiasi quota tu voglia considerarlo sulla terra piatta) non illumina direttamente le nuvole. Il sole, inoltre,sarebbe limitato ad una porzione della Terra, come da modello FE.
      Fermiamoci un momento qui, senza infilarci la fantomatica cupola.

      Guardiamo un attimo le foto inserite in questo articolo:
      In queste foto, io vedo le nuvole illuminate da sotto, ma VEDO ANCHE IL SOLE. E le nuvole si trovano davanti all'osservatore, in direzione del sole.
      Quindi, secondo una logica terrapiattista, mi troverei ancora nel cono di illuminazione diretta del sole. Non è, forse, questo uno dei capisaldi di questa "teoria"?
      Come fai a dire che il sole non illumina le nuvole direttamente?

      Ma, andiamo avanti ed aggiungiamo la cupola.
      Tu dici che il vero effetto di diffusione della luce lo compie la cupola solida composta di materiale traslucido e riflettente.
      Ma come mai questa cupola sarebbe riflettente ma non riflette l'immagine del sole? Dovrei vederne due di soli in cielo: il sole vero e proprio ed il suo riflesso specchiato sulla cupola. Eppure niente.

      Andiamo ancora avanti.
      Ma se il sole si trova sotto la cupola, come fa la cupola a beccarsi la luce del sole, se questo funziona come un faretto puntato verso la terra?

      E Continuiamo
      Tu dici:"Ma la riflessione può illuminare dal basso verso l'alto se la fonte luminosa proviene dall alto? Ovviamente si: Potete sperimentare voi stessi questo fenomeno illumindo zone in completa obra (es. Un soffitto si una casa) facendo riflettere la luce solare sul vetro di un orologio "

      Ma, Mattia. Non puoi comparare il soffitto di una casa con le nuvole ed il faretto con il sole.
      Così dimostri che il sole si trova SOTTO IL LIVELLO DELLE NUVOLE. Sostituisci al suffitto un pannello translucido e posiziona il faro SOPRA questo pannello. Ti sfido ad illuminare solo la parte inferiore di rimbalzo, senza illuminare la parte superiore del pannello.

      Non voglio entrare nel merito della colorazione delle nuvole e del cielo al tramonto, ampiamente spiegato con l'effetto diffrattivo dell'atmosfera terrestre su raggi molto inclinati.

      Ti risulta chiaro il ragionamento, Mattia?

      Elimina
  2. Ma t sei accorto nell ultima foto che hai postato che le nuvole stanno passando dietro al sole? Come lo spieghi visto che il sole sta a 14900000km di distanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un effetto ottico.
      1. le nuvole dietro il sole contraddicono la terra piatta
      2. Se le nuvole fossero dietro il sole dovremmo avere qualche foto da un aereo passante sopra il sole
      3. Se le nuvole fossero così vicine al sole si dissolverebbero istantaneamente.
      4. La distanza del sole è stata misurata con precisione e da un paio di secoli. Non è che un semplice effetto ottico possa rimettere il calcolo in discussione.

      Elimina
  3. puoi cambiare lo sfondo nero? quando lasci il sito sei in ipnosi. comunque sei molto bravo, hai un gruppo fb?

    RispondiElimina
  4. Grazie per il suggerimento e per i complimenti.

    Il gruppo fb è: La Terra è una palla che gira

    RispondiElimina
  5. Ma scusate durante gli equinozi il sole è perpendicolare all equatore ma a 0 gradi ai poli! Come fa la flat earth society a dire che ai poli è a 45 gradi? Sono basito....

    RispondiElimina
  6. Ma scusate durante gli equinozi il sole è perpendicolare all equatore ma a 0 gradi ai poli! Come fa la flat earth society a dire che ai poli è a 45 gradi? Sono basito....

    RispondiElimina
  7. Se non ho interpretato male, dovrebbe esserci un'imprecisione nella prima traduzione dall'inglese. Nel testo originale si dice che il sole appare con un'elevazione di 45° se ci si trova al 45mo parallelo nord o sud. Quelle 3000 miglia non si riferiscono, quindi, alla distanza tra equatore e uno dei poli, bensì alla distanza tra equatore e 45mo parallelo nord (o sud).
    Ovviamente, ciò non smuove di una virgola il fatto che tu abbia pienamente ragione e che la "teoria" della terra piatta sia quanto meno demenziale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Simone.
      Hai perfettamente ragione.
      Quanto prima, correggo. Per amor di precisione.

      Grazie.

      Elimina
  8. Grazie a te per la tua opera. I tuoi trattati sono davvero piacevoli da leggere

    RispondiElimina
  9. Fossi in te leggerei qui prima.

    http://verorizzonte.blogspot.com/2016/01/100-prove-alla-volta.html?m=1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fossi in te, caro Anonimo, leggerei i punti del libro di Eric Dubay, cercando di pormi qualche domanda, come te le poni verso la scienza ufficiale.
      Forse scopriresti che Dubay è un truffatore?

      Ma, a parte questo:
      - Come puoi minimamente pensare che chi ha realizzato questo blog non conosca Eric Dubay ed il suo libro di frottole?
      - Cosa ti fa pensare che puoi venire su questo blog con la presunzione di avere la verità in tasca, solo perchè ti sei bevuto acriticamente le frottole di Dubay?
      - Possibile che la lettura del libro di Dubay non ti abbia fatto scattare nemmeno un ragionevole dubbio su nessun argomento?

      Dal tuo commento, si evince una cosa abbastanza netta: sei a livello ZERO riguardo la comprensione degli argomenti che riguardano la forma della Terra, perchè ti sei bevuto quello che c'era su quel libro senza sottoporlo ad un vaglio critico.

      Cosa posso dirti oltre: chiarisciti con te stesso. Capisci se quello che hai letto ti convince oppure no.
      Se hai dei dubbi, siamo sempre pronti a discuterne con te, ma solo se non ti presenti qui con la spocchia di avere la "bibbia" di Dubay stretta nel palmo della mano.

      Elimina
  10. Se la terra fosse cosi' come e' descritta nelle prime due immagini, la linghezza delle coste dell'artide dovrebbe essere pressappoco il doppio della linghezza dell'equatore, visto che si trova a un raggio doppio rispetto all'equatore stesso..... e il tropico del capricorno dovrebbe essere molto maggiore e sicuramente piu' lungo del tropico del cancro...... bah....

    RispondiElimina
  11. Ho scoperto da poco questo blog, posso fare una "domanda"? Ma se veramente la terra fosse piatta, che dai filmati vedo che l'orizzonte è piatto e non curvo... Beh ma ruotando la camera non dovrei riuscire a vedere tutta la terra nella sua interezza? Comprese le parti in ombra non raggiunte dalla luce del "sole rotante"?

    RispondiElimina
  12. Stavo ragionando sulla spiegazione terrapiattista di come il sole SEMBRA sparire dietro l'orizzonte ma in realtà diventa solo troppo piccolo per essere visibile (tra l'altro non mi risulta che guardando il tramonto con un binocolo si possa vedere il sole per più tempo rispetto a chi guarda a occhio nudo...bah).

    Ammettiamo per un attimo che sia vero. il Sole, una palla di fuoco/luce di 32miglia di diametro che galleggia nell'aria a 3000miglia di quota, allontanandosi da noi diventa troppo piccolo perchè noi riusciamo a vederlo.

    a questo punto mi viene da domandarmi: ma allora come possiamo di notte vedere le stelle, che sono appiccicate sul Firmamento? quanto sono grandi per riuscire a sfuggire alla regola della prospettiva (terrapiattista) e a non sparire? perchè le stelle si e il sole no?
    Per poter essere visibili a occhio nudo dovrebbero essere ben più grandi del Sole stesso. quindi la cupola del Firmamento dovrebbe contenere miliardi di questi oggetti luminosi più grandi del Sole? e se quei minuscoli puntini sono più larghi di 32miglia, che dire dello spazio nero tra esse? (avevo originariamente scritto "spazio vuoto" ma ho preferito correggere)

    COSA SONO LE STELLE (nel modello terrapiattista)?

    RispondiElimina
  13. ciao volevo farti una domanda come mai non riesco a trovare una foto scattata dallo spazio dei poli?cè qualche motivo di natura tecnica che impedisce di fotografarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo.
      Bella domanda.
      Per scattare foto dallo spazio dei poli, occorre che un satellite artificiale, sonda o missione spaziale si trovi o si sia trovata a viaggiare o orbitare in direzione dell'asse di rotazione, ed anche ad una buona distanza oltre l'orbita bassa.

      Bene, i satelliti geostazionari (quelli meteo e per le telecomunicazioni), si trovano tutti sulla linea equatoriale. Non può essere altrimenti, dal momento che devono sviluppare una velocità angolare pari a quella terrestre per rimanere in orbita (equilibrio forza gravitazionale - forza centrifuga). Un satellite geostazionario polare non è possibile.

      Inoltre, non ha molto senso mandare sonde o missioni spaziali in direzione dell'asse terrestre, dal momento che praticamente tutti i pianeti e loro satelliti, compresa la luna, si discostano di pochissimo dal piano dell'eclittica. Una sonda spaziale non incontrerebbe nulla da sondare per svariati anni luce.

      In definitiva, gli unici satelliti che scattano le foto dei poli sono quelli che viaggiano in orbita bassa, ma per la loro distanza, devono necessariamente collezionare tantissime foto, successivamente da comporre e rielaborare al computer (è photoshop, ma deve esserlo).
      Spero di aver risposto esaurientemente alla tua domanda.

      Elimina
  14. domanda aperta ai terrapiattisti (se ancora ne bazzicano in giro per questo blog)..

    nel modello Terra Piatta il sole e la luna roteano sopra la Terra sempre alla stessa quota e sempre alla stessa velocità?

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si; solo quando devono canbiare la lampadina al sole lo fermano per il tempo necessario. La luna, essendo un ologramma, non necessita di manutenzione in loco.

      Elimina